Uncategorized

RUBRICA 17 marzo 2019: Nuova eucarestia e fine del celibato. La Chiesa al bivio

Da “Il Libro della Verità”:

 

Oggi la Mia Chiesa sulla Terra sarà crocifissa. Questo giorno segnerà l’inizio dei cambiamenti
Venerdì, 29 marzo 2013, alle ore 00:05 

Primo Messaggio del Venerdì Santo

Mia amatissima figlia, oggi la Mia Chiesa sulla Terra sarà crocifissa.

Questo giorno segnerà l’inizio dei cambiamenti, i quali saranno rapidi ed avverranno per cambiare il volto della Chiesa Cattolica nel mondo.

Nella sua scia verrà la fusione di tutte le dottrine, che sarà visibile in ogni insegna pubblica e mostrata di proposito per la pubblica testimonianza.

Osservate ora come, tutto quello che Io vi ho detto, verrà alla luce. Sfido, quelli che sono tra voi, a negare la terribile verità, quando verrete costretti ad ingoiare una menzogna.

Voi, Miei seguaci, dovete proteggere i Miei Sacramenti ed essere vigilanti. Voi, Miei servitori consacrati, sarete presto messi alla prova, poiché la Mia Divinità sarà sfidata. Le Leggi di Dio saranno adattate e non appena la Mia Santa Eucaristia verrà contaminata, la Mano di Dio scenderà con una tale forza che capirete, immediatamente, che questi Messaggi provengono dal Cielo.

Il Mio Dolore diverrà il vostro dolore. La vostra afflizione, a motivo della vostra conoscenza della Verità, vi renderà impossibile accettare i sacrilegi, che vi verrà ordinato di accogliere.

Anche in questo caso, se non accetterete il Mio profeta e le Parole che Io le rivelo, vi darò ancora del tempo, in quanto molto presto, da parte di quei leader tra voi, vi sarà richiesto di rinnovare i vostri voti. Vi verrà chiesto di impegnare la vostra vita tramite una testimonianza giurata alle leggi del paganesimo. Se voi farete questo, sarete sotto l’influenza del maligno e combatterete contro Dio.

Dovrete perseverare e rimanere leali a Me e dovrete supplicarMi di darvi Consiglio in un periodo in cui, l’uomo che siede sulla Cattedra di Pietro, il quale si rifiuta di seguirne le sue orme o di indossarne le sue scarpe, distruggerà la vostra fedeltà a Dio.

Ora, mentre siete testimoni della Crocifissione della Mia Chiesa sulla Terra, Io vi chiamerò per proclamare la Verità di Dio. Continuerò a chiamarvi al fine di proteggervi. Farò in modo che la Mia Chiesa, coloro che aderiscono ai Miei Insegnamenti, ai Miei Sacramenti e alla Parola di Dio, viva per sempre attraverso il rimanente che non Mi abbandonerà mai.

Vi saranno, tra voi, coloro che Mi tradiranno al giorno d’oggi. Altri in mezzo a voi presto rinnegheranno i Miei Sacramenti, poiché saranno troppo deboli per difendere la Parola di Dio.

Quelli di voi che già sospettano il vero e che cercano di diffondere la Mia Parola, soffriranno perché non avranno il coraggio di combattere per la Verità. Eppure, rimarranno ancora leali a Me, poiché sanno di non poter vivere senza il Mio Amore.

Ascoltate la Mia Voce. Appoggiate la vostra testa stanca sulla Mia Spalla e permetteteMi di avvolgere le Mie Braccia intorno a voi, in questo momento. Io vi proteggerò sempre.

Il vostro Gesù

Fonte: https://messaggidagesucristo.wordpress.com/2013/03/29/29-marzo-2013-oggi-la-mia-chiesa-sulla-terra-sara-crocifissa-oggi-segna-linizio-dei-cambiamenti/

 

Nuova eucarestia e fine del celibato. La Chiesa al bivio

Pane di yuca e sacerdoti sposati: le “grane” del sinodo per l’Amazzonia

Riccardo Cascioli – Dom, 17/03/2019 – 08:49 

Quando il 15 ottobre 2017 Papa Francesco annunciò un Sinodo speciale per l’Amazzonia da tenersi nell’ottobre 2019, tutti si chiesero perché, con una decisione inusuale, avesse scelto Roma quale sede dell’incontro.

 

Man mano che l’appuntamento si avvicina diventa sempre più fondato il sospetto che alcuni avevano fin dall’inizio, ovvero che le «speciali circostanze» dell’Amazzonia siano state scelte come laboratorio per sperimentare alcuni cambiamenti radicali nella Chiesa. Il tema dell’incontro «Amazzonia: nuovi cammini per la Chiesa e per un’ecologia integrale» rafforza i sospetti. E svolgendosi il Sinodo a Roma, tali novità diventerebbero immediatamente di esempio per tutta la Chiesa.

L’ultima è di questi giorni, l’ha lanciata il gesuita Francisco Taborda, docente di teologia all’Università dei gesuiti a Belo Horizonte (Brasile): in una intervista al giornale americano Crux, padre Taborda ha detto che è probabile che al Sinodo venga presentata la proposta di cambiare, per l’Eucarestia, il pane di grano con un pane di yuca, un tubero tipico dell’America Latina conosciuto anche come tapioca o manioca. Il pane di yuca è largamente usato nell’Amazzonia, dice padre Taborda, e contrariamente al pane di grano non diventa «poltiglia pastosa» a causa del clima molto umido della regione. In realtà anche questa non è un’idea nuova, a conferma di quanto già lo scrittore inglese G.K. Chesterton scriveva un secolo fa: «Il 90% di ciò che chiamiamo nuove idee sono semplicemente vecchi errori». Quella di sostituire il pane e il vino con alimenti locali è un’idea che andava di moda già negli anni ’70 del secolo scorso, «inculturazione» la chiamavano, ma le domande sugli elementi validi per la comunione risalgono già ai primi secoli dopo Cristo. È solo una incomprensione di cosa sia l’Eucarestia. La Chiesa non ha mai avuto dubbi: è sotto le sembianze del pane e del vino che Gesù ci ha donato il Suo corpo e sangue, così egli ha fatto e così ha detto di fare. La Chiesa non può cambiare ciò che Gesù ha stabilito, discorso chiuso. È perciò già grave che si possa pensare che tale materia possa essere rimessa in discussione a un Sinodo regionale, tanto più se l’idea viene lanciata da un religioso che alla fine di febbraio è stato relatore al seminario di studio in Vaticano proprio in preparazione del Sinodo. La questione che però terrà banco è quella dell’ordinazione sacerdotale di persone già sposate. Viri probati, vengono definiti, ovvero uomini sposati di una certa età e dalla fede provata. Dovrebbe essere la risposta alla mancanza di vocazioni: ovviamente si parte dal caso eccezionale di una regione come l’Amazzonia, dove alcune comunità vedono il sacerdote una volta ogni anno. Ma è bastato ventilare questa ipotesi perché subito alcune Chiese europee si accodassero entusiaste, Germania in testa. Il fatto è che la questione dei viri probati è il grimaldello per far saltare il celibato sacerdotale. Anche qui il metodo è quello della prassi: non si mette in discussione la dottrina, di cui anzi si apprezza il valore, semplicemente la si contraddice in nome di una emergenza a cui rispondere. Per capire basta riprendere la risposta che Papa Francesco ha dato a un giornalista nella conferenza stampa al ritorno dalla Giornata Mondiale della Gioventù a Panama, lo scorso gennaio. Il tema era appunto il celibato sacerdotale: nella prima parte della risposta il Papa si è lanciato in una difesa appassionata del celibato e del suo valore, e quindi non può essere messo in discussione nel modo più assoluto. Poi però ha aggiunto: «Soltanto rimarrebbe qualche possibilità nei posti lontanissimi, penso alle isole del Pacifico, ma è qualcosa da pensare quando c’è necessità pastorale». Ecco, si comincia con le eccezioni: i posti lontani, preti che visitano le comunità una volta l’anno (ma questo non è un problema nuovo, eppure non è mai stata presa in considerazione dai Papi l’eventualità di preti sposati), poi le eccezioni diventeranno rapidamente la regola. Con la stessa motivazione poi, ecco che ci sarà chi porterà il tema delle «diaconesse», su cui è stato proprio papa Francesco a volere tempo fa una commissione di studio in Vaticano. Come non pensare, anche qui, che sia solo l’inizio di un processo che prima o poi arrivi al sacerdozio femminile?

Ma non dimentichiamo la seconda parte del titolo del Sinodo che coinvolgerà gli episcopati di nove paesi che condividono la regione amazzonica -: l’ecologia. Anche qui, l’Amazzonia, il polmone verde del pianeta, è il luogo ideale per dare corpo a quella Chiesa «verde» che l’enciclica Laudato Sì prefigura. Ormai la questione del cambiamento climatico e delle politiche ambientali è diventata il principale terreno d’impegno della Chiesa, con uno scivolamento verso nuove forme di paganesimo. È un approccio che si ritrova anche nel Documento preparatorio del Sinodo sull’Amazzonia, in cui si favoleggia di culture indigene e precristiane che vivrebbero in armonia con la natura: «Le loro diverse spiritualità e credenze li portano a vivere una comunione con la terra, l’acqua, gli alberi, gli animali, con il giorno e con la notte». È un vecchio mito che ciclicamente ritorna e che oggi va di pari passo con la demonizzazione dell’evangelizzazione dei popoli indo-americani, puntualmente presente in questo documento. È a questa visione che viene fatto corrispondere il concetto di «ecologia integrale» che è richiamato nel titolo del Sinodo. Ed è proprio su questo terreno che si potrà valutare la ormai enorme distanza tra le tendenze oggi maggioritarie nella Chiesa e ciò che la Chiesa ha sempre insegnato e realizzato.

Fonte : http://www.ilgiornale.it/news/cronache/nuova-eucarestia-e-fine-celibato-chiesa-bivio-1664037.html

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo sitoweb e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 6.172 follower

Archivi

visitatori

  • 9.381.201 visite
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: