Settembre 2014

27 settembre 2014 – La Madre della Salvezza: “Il peccato è un dato di fatto. Esso esiste e continuerà ad esistere fino alla Seconda Venuta di Cristo”

La Madre della Salvezza: “Il peccato è un dato di fatto. Esso esiste e continuerà ad esistere fino alla Seconda Venuta di Cristo”
Sabato, 27 settembre 2014, alle ore 19:20

Miei cari figli, come mi sento affranta in questi tempi terribili, in cui l’uomo si è alzato per sfidare Dio in così tanti modi!

Le Leggi di Dio vengono trasgredite in tutto il mondo, perché il peccato non è più riconosciuto come un male. Invece, viene giustificato in ogni occasione, in modo che l’uomo non possa più distinguere tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Se accoglierete il peccato, in ogni sua forma, e dichiarerete che esso non abbia alcuna importanza, allora voi non vi sentirete mai appagati. Il peccato, una volta che lo si considererà semplicemente come un difetto umano, indurrà a commettere un peccato più grande e ben più grave, fino a quando alla fine condurrà alle tenebre dello spirito e alla separazione da Dio. Tutto ciò lascerà un vuoto nella vostra anima, tanto da provocare un genere d’infelicità dalla quale sarà difficile uscirne fuori.

L’oscurità viene dallo spirito del male. La Luce viene da Dio. Il peccato porta il buio e, a meno che non lo riconosciate e non cerchiate la riconciliazione, esso crescerà e avvelenerà fino a quando soffocherà lo spirito. Nulla, in questo mondo, può portare all’anima il sollievo che essa brama, né lo potrebbe. Solo la riconciliazione tra l’anima e Dio potrà liberarla da questa stretta mortale.

Il peccato è un dato di fatto. Esso esiste e continuerà ad esistere fino alla Seconda Venuta di Cristo. I figli di Dio che capiscono i Dieci Comandamenti, da Lui stabiliti, sanno che l’uomo deve chiedere perdono a Dio per ciascun peccato ed ogni volta che pecca. Non importa se egli cerca Dio ed implora il Suo Perdono ripetutamente, poiché questo è l’unico modo per rimanere in unione con Lui. In questo modo, riceverete molte Grazie, maturerete e dimorerete nella Luce di Dio.

L’uomo deve accettare la sua debolezza a causa dell’esistenza del peccato. Egli deve accettare in che modo il peccato lo possa separare da Dio. Se lui non accetta questo fatto, allora sta affermando di essere uguale a Dio. Se non crede nell’esistenza del peccato, l’uomo non può servire Dio. È in quel momento che la separazione tra l’anima ed il suo Creatore diventa più ampia, fino a quando non avviene più alcuna comunicazione tra l’uomo e Dio.

La smania di Satana è quella di catturare le anime ed impedire la loro salvezza. Fino a quando l’uomo non accetterà l’importanza di riconoscere le Leggi di Dio, Lo rinnegherà.

La vostra amata Madre,
Madre della Salvezza

Annunci

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo sitoweb e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 6.219 follower

Archivi

visitatori

  • 8,627,072 visite
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: