Marzo 2013

13 marzo 2013 – Il suo Trono è stato usurpato. Il suo potere, no!

Il suo Trono è stato usurpato. Il suo potere, no!
Mercoledì, 13 marzo 2013, alle ore 21.20

Mia amatissima figlia, Io Sono stato condannato a morte per la seconda volta. L’insulto della decisione di Roma, di cui tu sei stata testimone oggi, Mi ha spezzato in due.

Quando Io stavo in piedi di fronte ai Miei carnefici, accusato di eresia e per aver osato dire la Verità, i Miei apostoli fuggirono via e non si fecero trovare in alcun luogo. Coloro che Mi seguirono ed accettarono i Miei Insegnamenti, Mi tradirono allorché la Mia Parola fu contestata da parte di quelli che avevano l’autorità. Essi cominciarono a perdere la fiducia in Me ed iniziarono a dubitare.

Alcuni dei Miei seguaci credettero che i crimini di eresia, di cui Io fui accusato, fossero giustificati. I Miei accusatori – persone altolocate, vestite con abiti esotici, che camminavano e parlavano con un senso di reale autorità – erano così potenti che pochi dubitarono di loro.

Io fui interrogato, contestato, schernito, sminuito, ridicolizzato e sbeffeggiato per aver detto la Verità. Le persone crollavano di fronte a questi governanti – uomini dalla voce potente e la cui autorità non veniva mai messa in discussione. La Mia Voce divenne come un sussurro in mezzo ai ruggiti dei Miei accusatori.

“Eretico”: essi gridavano. Dicevano che Io avevo parlato con una lingua malvagia, che avevo bestemmiato contro Dio e che cercavo di distruggere la loro chiesa. E così, Mi assassinarono a sangue freddo.

Non sarà diverso adesso mentre Io cerco di far conoscere la Mia Voce e mentre cerco di avvertire tutti i figli di Dio in merito agli eventi, di cui ho parlato a te, figlia Mia, in quest’ultimo paio d’anni. La Mia Parola sarà trattata con disprezzo. La Mia Parola sarà messa in discussione. I dubbi si insinueranno e, ancora una volta, i Miei apostoli fuggiranno e Mi lasceranno ai lupi.

DateMi retta, la Verità vi è stata rivelata. Io vi ho detto, Miei fedeli, in che modo sarete ingannati. Questo sarà molto difficile per voi, perché metterete in dubbio questo impostore che siede nella Casa di Mio Padre.

Il Mio amato Papa Benedetto XVI è stato perseguitato ed è fuggito, come era stato predetto. Io non ho designato questa persona che sostiene di venire nel Mio Nome.

Egli, Papa Benedetto, guiderà i Miei seguaci verso la Verità. Io non l’ho abbandonato e lo terrò stretto al Mio Cuore e gli offrirò il conforto di cui ha bisogno in questo terribile momento.

Il suo Trono è stato usurpato. Il suo potere, no!

Il vostro Gesù

Annunci

Discussione

I commenti sono chiusi.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo sitoweb e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 6.220 follower

Archivi

visitatori

  • 8,739,562 visite
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: